Cos’è #Letturaday?


Il ventitré aprile 2021 torna la giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. In gran parte d’Europa si festeggia; a Barcellona si scambiano libri e rose. Per un giorno, normalmente lì le vie si riempiono di libri e sorrisi: lettori, scrittori, librai, editori toccano per alcune ore il cielo con un libro. Quest’anno, tutto accadrà in tono minore, in sordina. Ma è un’eccellente occasione per lanciare una nuova iniziativa.

Specie se non si limita a quel solo giorno, ma prosegue per ben sei mesi. Forse, anche oltre. Non si limita a una città, un evento, una ricorrenza. Letturaday nasce per questo. Unire una, cento, mille voci. Una, cento, mille occasioni, festival, fiere. Da quel giorno, il nostro invito è: leggiamo tutti insieme, il giovedì.

Tutti i giovedì? Perché no. Proviamoci.

Non ci limitiamo dunque al 23 aprile, non a una settimana, al tempo fragile di una manifestazione. Coinvolgiamo chi ama i libri e li legge, insieme a chi non ne ha ancora scoperto piacere e utilità. Consapevoli che gli stimoli alla lettura provengono da un’azione di lungo respiro, che nasce in famiglia, a scuola, che cresce e si moltiplica attraverso le biblioteche, i circoli di lettura, e così via.

Ma la forza dei libri, l’entusiasmo dei lettori avrà una grande, grandissima complice: la voce.
La voce è un bene unico, nostro, splendido, ancora tutto scoprire. La voce ci collega agli altri. Dice di noi.
Aiuta, cura, unisce. Con la voce si canta, si narra, si spiega. Si legge agli altri.

Tutti possono partecipare a #letturaday.
Tutti possono mettere in gioco la propria voce.
Per ora, postiamo video sui social.
Anche per spiegare come funziona questo gioco contagioso.
Rilanciamo tanti video su questo sito. 
Presto, quando potremo uscire e trovarci, insieme, leggeremo dappertutto.
Dappertutto veramente: nelle piazze, nei cortili, nelle biblioteche di ogni genere, incluse le condominiali. Al pub. Nelle case. Anche circondariali. Nelle chiese, Nelle scuole, va da sé. Nelle aziende.

#Letturaday è un’idea di Adei, l’Associazione degli editori indipendenti italiani, ma è realizzata assieme a librerie, biblioteche, scuole. Nasce sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura.
Ma coinvolge tutti, davvero tutti coloro che amano i libri e la lettura.
Le voci di tutti ci aiuteranno a rendere diversa la rinascita che ci attende dopo questo periodo così difficile, incerto, di quasi-reclusione. Un periodo in cui libri e lettori hanno già mostrato segni inattesi di vitalità.

Grazie all’entusiasmo di chi anima questo mondo, grazie a una Legge che ne ha reso più equilibrato il mercato – rendendo strutturali impegni e sostegni importanti – storie, persone e voci ci aiuteranno a essere più consapevoli e felici. Insieme.